Inferno canto V: Paolo e Francesca

Ovvero: Amore e tradimento

Il canto V dell’Inferno inizia con l’entrata di Dante e Virgilio nel secondo cerchio, ove Minosse “stavvi orribilmente, e ringhia” con il compito di giudicare e mandare i dannati nel posto che la volontà divina ha loro assegnato nell’inferno. Il guardiano da “quel conoscitor de le peccata” si accorge che Dante [Continua…Inferno canto V: Paolo e Francesca]

Antonio e Nonna Pina

(Novella educativa)

Antonio, un ometto di appena 18mesi, tornava insieme alla mamma Maria da una vacanza in un lontano paese del nord Europa dove era stato ospite per dieci giorni della zia Lina e della cuginetta Carlotta. A papà, nonni e zii i giorni della lontananza erano sembrati interminabili e nessuno avrebbe sopportato più a [Continua…Antonio e Nonna Pina]

Per i 40 anni di Nadia

A metà del cammino di tua vita

Lavori e vivi in ameno lieto luogo.

Hai avuto in questi anni tuoi

Gioie, fortuna e felicità

Che Sofia e Giorgio han completato

Come dovuto e meritato.

Il tuo Alex, poi, ha doti a non finire:

è coniuge e padre completo e maturo

ma soprattutto, per [Continua…Per i 40 anni di Nadia]

A mia figlia Ilaria

Adesso quando ti guardo

ricordo quel bel giorno

quando con pianto stridulo

Apristi gli occhi al mondo.

Piccina eri e paffutella

ma prepotente e fiera

e dei nostri cuor subito

t’impadronisti altiera.

Or dopo tanti anni

mamma felice e accorta sei

ed il tempo rafforzato ha

sia dolcezza che bontà.

[Continua…A mia figlia Ilaria]

Amore sereno

I poeti dei libri

Amano alla grande.

Insidiano cortesi

La dama maritata

O verso il ciel s’en vanno

Per donna angelicata.

A volte son contenti

Se amor li pressa e sfugge

E cantano i tormenti

D’un sentir che distrugge.

L’amore senza iperboli

Per essi non è tale;

le lodi ai crin corvini

[Continua…Amore sereno]

La vita

Promettono dolcezze

il figlio ed il fiore;

s’aiutano con cura

a prendere vigore.

L’anziano che ha dato

è foglia ingiallita;

lo si lascia per terra

a finir la sua vita.

(Giulio Cesare Viva)

Scuola e unita’ d’Italia

Da due giorni avevo lasciato Bologna, mia sede di servizio, ed ero a Roma per partecipare ad un corso di aggiornamento che una associazione professionale, col supporto di blasonati docenti di università, di esperti di docimologia, di scienze pedagogiche, di diritto amministrativo o altro organizzava, di concerto con l’allora Ministero della P.I., per presidi di [Continua…Scuola e unita’ d’Italia]

L’albero di fico

Qualche tempo fa nel vecchio giardino di famiglia è venuto meno l’ultimo residuo di un mastodontico albero di fico che negli anni della mia fanciullezza era stato scenario naturale per giochi ed avventure. Era stato anche fornitore di frutti genuini e dal sapore intenso che noi tutti bambini, a partire dall’inizio dell’estate, aiutavamo a maturare [Continua…L’albero di fico]

Libertà e autorità nell’educazione

Chiunque intenda affrontare un discorso relativo alla sfera dell’agire umano, e in particolare all’educazione, si scontra, sin dall’inizio, con la necessità di dare una giustificazione scientifica al fatto educativo.

In altre parole ci si rende subito conto che non è possibile ricondurre il processo educativo al susseguirsi deterministico di cause ed effetti perché l’azione educativa [Continua…Libertà e autorità nell’educazione]

L’integrazione scolastica dal De Amicis alla Gelmini

In questi ultimissimi tempi la questione dell’integrazione è stata presa , ripresa e offerta in molte salse all’opinione pubblica italiana come se fosse “la questione del giorno” dalla cui soluzione dipendessero le sorti dell’Italia tutta. Per molti da una accoglienza senza regole dei farabutti provenienti dal mare, derivano gli scippi ed altri delitti orrendi, possibili, [Continua…L’integrazione scolastica dal De Amicis alla Gelmini]