“Standu sempre susu a lu ciucciu”

L’umanità ha spesso affrontato, generazione dopo generazione, momenti di disgregazione sociale e di violente trasformazioni radicali pur di apportare al proprio modo di vivere nuovi ordinamenti civili e nuove leggi sociali. Tali momenti di crisi, ai “benpensanti” d’ogni tempo, sono sempre apparsi necessari per combattere e ostacolare il nuovo, ma per i derelitti e per gli infelici, spesso sono stati l’inizio per sperare in una migliore vita su questa terra, se non per loro stessi, almeno per il futuro prossimo dei loro figli. Il tempo, nel suo inesorabile scorrere, ha spesso dato la possibilità all’umanità intera di verificare tali eventi e, forse per questo, ovunque, continua a risvegliare nelle coscienze di tanta gente, la speranza per possibili nuovi stili di vita, di corretti rapporti di civiltà tra gli uomini di tutta la terra e di religioni diverse. A me, purtroppo, sembra che tale evoluzione del pensare e dell’agire oggi non sia percepita come necessaria da gente che ragiona “standu sempre susu a lu ciucciu” (1)e non dalla parte di chi ne ha più bisogno. Per finire questa mia estemporanea uscita mi sembra opportuno dire al lettore che i tempi stanno per scadere e che non è il caso di giocare più a lungo con tali questioni e rimanere fermi di fronte al nuovo che avanza. Giulio Cesare Viva
_______________________________________________
(1) Espressione dialettale del mio paese per dire:” Chi sta a cavallo ragiona sempre tenendo presente la sua posizione di comodo privilegio”

Leave a Reply

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>