Speranze perdute???

SPERANZE PERDUTE – I risultati delle politiche del 4 marzo scorso, avevano sorpreso tutti gli Italiani del Nord, del Sud e delle Isole, sia quelli che avevano votato per i vincitori per quelli che avevano deciso diversamente. Nei primi giorni post elettorali nel paese si respirava un’aria nuova e non c’era chi non sperasse in un rinnovamento della politica, in nuovi orientamenti, in un periodo che allontanasse tutti dall’immobilismo economico, culturale e religioso e sociale, che già pontefici coraggiosi come Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II si erano sforzati di suggerire ai politici di ogni partito ed ai credenti di tutto il mondo. In Italia molti pensarono che un tale rinnovamento potesse essere frutto di facile conquista; molti non si recarono alle urne e pochi votarono e si raggiunse il quorum minimo per i vincitori ed i perdenti. Purtroppo, dopo due mesi di lavoro e di trattative, a governo finalmente costituito, emersero, i capitan fracassa, i profeti di un nuovo modello di pensare che poneva alla base della nuova politica, le parolacce, la violenza, l’intolleranza, le differenze razziali e regionali; questi i nuovi trombettieri ritenevano che la loro libertà di fare e di agire potesse assicurare a tutti pace e benessere. I vecchi governanti, detronizzati, smarriti, confusi e perdenti nonostante le coalizioni costituite in previsione delle eventuali, ma mancate vittorie, non riuscivano ad opporsi alle spavalderie dei vincitori. Nel nuovo ambiente politico, però, i valori e le certezze di tutti allontanavano ogni giorno di più le attese della Nazione e le speranze di quelli che avevano votato e gli italiani tutti iniziavano a dubitare delle capacità dei governanti da poco insediati così come l’avevano già persa in quelli delle precedenti legislature. Speriamo che questo mio sentire abbia a modificarsi a breve in modo che dagli Italiani non siano costretti ad altre elezioni politiche.

Leave a Reply

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>