LE ERRATE LOGICHE DEI CACCIATORI E LA SBALLATA POLITICA DELLE AUTORITA’ VENATORIE

Le errate logiche dei cacciatori e la sballata politica delle autorità venatorie –

Alcune sere fa, quando ero “in gamba” ed aspettavo i giorni buoni per la caccia ai tordi, molte erano le opinioni su quando si sarebbe verificata “la scesa” e, come tutti, facevo anch’io scorta di cartucce infallibili. Tra noi cacciatori vi [Continua…LE ERRATE LOGICHE DEI CACCIATORI E LA SBALLATA POLITICA DELLE AUTORITA’ VENATORIE]

Tordi alla spasa e…pezzeti alla pignata

Questa che vi racconto è una delle altre trovate della solita allegra brigata di cacciatori di un tempo per i quali le predenon eranoperseguiteper il semplice “sadico” gusto di eliminare la fauna dal territorio (come dicono gli “anticaccia”), ma come trofeo da conseguire con sforzo e perseveranza, con astuzia [Continua…Tordi alla spasa e…pezzeti alla pignata]

Salento stepposo…addio

Chi vive da sempre, in un paese dell’entroterra salentino e si è assuefatto alle silenziose , continue, piccole trasformazioni che il territorio ha avuto, crede di abitare in luoghi non sfiorati, nel tempo, da nessuna forma di sviluppo industriale o economico né di progresso. Se non fosse per qualche modestissimo insediamento industriale esistente a qualche [Continua…Salento stepposo…addio]

Caccia alle anatre con carniere…sicuro

Nel circolo cacciatori del paese tutte le sere non si parlava d’altro: le anatre erano state avvistate un po’ ovunque ma nessuno era ancora riuscito a far carniere.

Le condizioni atmosferiche peggioravano di giorno in giorno ed anche la neve aveva fatto capolino rompendo la consuetudine di un Salento dagli inverni miti e senza neve. [Continua…Caccia alle anatre con carniere…sicuro]

La montagna spaccata

In un bigio pomeriggio dello scorso autunno percorrevo, dopo molti anni, il tratto della litoranea ionica che collega Gallipoli a Santa Maria di Nardò. Due località balneari da sempre frequentate, nei periodi estivi, dai Salentini che risiedevano nei retroterra assolati ed arsi. Anch’io ero stato un assiduo frequentatore di quelle marine, soprattutto nei primi trent’anni [Continua…La montagna spaccata]

L’albero di fico

Qualche tempo fa nel vecchio giardino di famiglia è venuto meno l’ultimo residuo di un mastodontico albero di fico che negli anni della mia fanciullezza era stato scenario naturale per giochi ed avventure. Era stato anche fornitore di frutti genuini e dal sapore intenso che noi tutti bambini, a partire dall’inizio dell’estate, aiutavamo a maturare [Continua…L’albero di fico]